NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il sito fa uso di cookies, che vengono memorizzati sul computer dell'utente e che vengono cancellati dopo 30 giorni. L'uso di tali cookies è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire la navigazione sicura ed efficiente del sito e permette di evitare il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti. Tali cookies non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

Master Accreditati MIUR

Ricerca Veloce

Come sei venuto a conoscenza del sito?

Cercavo su internet - 38.6%
Da un Volantino Pubblicitario - 0%
Da un Cartellone Pubblicitario - 0%
Da un amico - 61.4%

Voti Totali: 383
Il sondaggio è finito il: 01 Gen 2017 - 00:00

Reputi utili le informazioni presenti sul sito?

Assolutamente Si - 70.9%
Si - 28.2%
No - 0%
Assolutamente No - 0.9%

Voti Totali: 110
Il sondaggio è finito il: 01 Gen 2016 - 00:00

Chi e’ On Line

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

La Mappa Cognitiva

( 2 Votes ) 

Ognuno di noi ha in sé un tesoro
Scopriamolo con: La Mappa Cognitiva

Spesso gli insegnanti si trovano di fronte a bambini che, nelle situazioni di gioco e nei momenti di relazione extra-didattici ed extra-scolastici, dimostrano di essere brillanti, intelligenti e, in alcune circostanze, perfino creativi e “geniali” nel trovare soluzioni efficaci e nel conquistarsi la simpatia e l’approvazione dei compagni e degli adulti. Tuttavia, molto spesso, a una brillantezza e vivacità dimostrata sul campo, non corrisponde un rendimento scolastico e un profitto all’altezza delle aspettative. Perché accade questo? A volte la risposta è “perché manca l’impegno”. Questa risposta, tuttavia, non sposta il problema di molto perchè pone un'altra domanda implicita ovvero: “perchè manca l’impegno?”

La Mappa Cognitiva è un raffinato strumento di valutazione delle

potenzialità e delle competenze delle persone che operano in diversi ambiti e campi del sapere (lavoratori, studenti, professionisti, volontari, dirigenti e così via). Essa è in grado di fornire un quadro completo delle capacità cognitive e intellettuali e, soprattutto, è in grado di fornire delle risposte ad hoc per ciascuna persona, coerentemente con il suo stile cognitivo, ovvero con il modo unico e irripetibile col quale ciascuno di noi elabora e utilizza le informazioni che gli arrivano dal mondo esterno. La Mappa Cognitiva è una strategia di analisi che si indirizza all’individuo percepito come un’unità in interazione dinamica con il mondo che lo circonda. Questo strumento, in pratica, non fornisce delle soluzioni a problemi, ma aiuta la persona ad analizzare il proprio stile  di apprendimento e fornisce utili suggerimenti per migliorare e potenziare la propria efficienza nella vita come nello studio e nel lavoro.  Centrando l’attenzione sull’individuo, la Mappa evita di fornire risposte preformate e preconfezionate, ma elabora risposte individualizzate e specifiche. Inoltre, essa non guarda solo a situazioni problematiche ma si pone, come scopo, il potenziamento delle capacità cognito-intellettuali, al di là delle condizioni di partenza in cui esse si trovano, seguendo, cioè, una logica di perfezionamento e di miglioramento della dinamica e dell’elasticità mentale

La Mappa Cognitiva può essere utilizzata come strumento di valutazione delle capacità individuali rispetto a un gruppo, per esempio il gruppo-classe o un’équipe di lavoro (Mappa Cognitiva Gruppale), o come strumento ad uso del singolo (Mappa Cognitiva Individuale).

La Mappa Gruppale è particolarmente indicata per le situazioni nelle quali la dimensione gruppale può costituire, per l’individuo, una risorsa da sfruttare come sua potenzialità di confronto e come occasione di crescita.  La Mappatura individuale è invece preferibile per colui che voglia avere un quadro preciso delle proprie competenze e potenzialità e che voglia confrontarsi non tanto con il proprio gruppo di lavoro, ma più che altro con le proprie ambizioni, aspirazioni e mete personali.